MOBILITA' INDIVIDUALE - Anno all'estero

Negli ultimi anni il Liceo Corso ha posto la dimensione internazionale al centro dei curricoli scolastici e dei percorsi formativi in progetti di partenariato e attività di scambio, visite e stage formativi all’estero in realtà culturali lontane dando vita ad un contesto educativo-formativo sempre più globale. All’interno di questo processo ha assunto sempre più valore e importanza la mobilità studentesca individuale, in progressivo aumento in quanto la spinta a conoscere altre realtà per arricchire il proprio bagaglio culturale e di esperienze è vitale per lo studente e il cittadine.

Considerato il significativo valore educativo delle esperienze di studio compiute all’estero e l’arricchimento culturale della personalità dello studente che ne deriva, nonché le indicazioni dell’UE, il Liceo Corso favorisce la mobilità studentesca internazionale e la promuove, proponendo queste indicazioni operative per regolamentare le procedure di supporto e valorizzazione del periodo di studi all’estero e per assicurare trasparenza e coerenza nel comportamento dei Consigli di classe dell’Istituto nella valutazione delle esperienze stesse.

Il Liceo Corso individua nel referente dei progetti internazionali la figura di raccordo tra studenti e scuola, e invita i consigli di classe ad applicare queste indicazioni operative nel rispetto della normativa vigente verso un agevole reinserimento dopo la full immersion nella realtà estera.

La Commissione dei Progetti Internazionali equipara le esperienze di studio all’estero ai percorsi per le competenze trasversali e l'orientamento, perché tiene conto dell’indubbio valore formativo che un periodo di formazione all’estero rappresenta: la normativa sottolinea infatti che le competenze acquisite dagli studenti durante le esperienze di studio all'estero sono “trasversali, individuali e relazionali, fortemente richieste dal mercato del lavoro”. Inoltre “lo studio e la pratica intensiva della lingua straniera rappresentano elementi di eccellenza da valorizzare nella certificazione delle competenze da redigere al termine del percorso di studio all'estero”. La proposta, riferita ai periodi di permanenza e studio all’estero in mobilità studentesca internazionale individuale prevedono il riconoscimento di 40 ore (per la mobilità di un anno intero), 20 ore (per il semestre), 10 ore (per il trimestre).

protocollo studi all'estero.pdf